Risultati
Risultati

Il progetto incentiva e attende la qualificazione di 9 giovani psicologi al metodo mentoring e alla trasmissione delle competenze di mentorato in contesti socioculturali difficili; l’emersione delle attitudini di tipo tecnico, scientifico e creativo di 108 studenti iscritti agli ultimi anni di 3 scuole di secondo grado della periferia est di Napoli; la formazione al mentorato di 108 giovani con spiccate attitudini di tipo tecnico, scientifico o creativo, a servizio di condizioni di emergenza; la creazione di 3 gruppi di nuova coesione e socializzazione intitolati alle propensioni emerse dei ragazzi e giovani abbinati, di tipo tecnico, scientifico e creativo; la realizzazione della Rete delle Scuole per l’emersione e la valorizzazione delle attitudini, che implementi le funzioni del privato sociale, da incrementare sul territorio; la formalizzazione di un’Associazione dei Giovani Mentori per il Sociale, da accreditare ai registri del terzo settore, accrescendone la compagine; l’istituzione di un Club dei Mentees negli istituti pilota e a favore di tutti i ragazzi in condizioni simili, anche di altri istituti, conquistabili al processo; l’allestimento di 3 laboratori tecnici, scientifici e creativi per la produzione di altrettanti prototipi con cui promuovere l’operato di ragazzi e giovani sui relativi futuri mercati; la fondazione di una Cooperativa di Giovani di Napoli Est, animata dai giovani talenti beneficiari in ambito tecnico, scientifico e creativo.

Miglioramento dei fatti*
0
Maggiore Integrazione*
0
Aumento di posti di lavoro*
0

Tutto ciò determinerà un forte impatto locale. Nello specifico, la costituzione della Rete delle Scuole mirerà alla strutturazione di un forte dialogo tra istituti scolastici e operatori del terzo settore, avendo come obiettivo comune l’emersione delle attitudini dei giovani e la valorizzazione delle loro potenzialità. L’Associazione dei Giovani Mentori per il Sociale sarà un grande movimento di giovani per i più giovani che fisserà sul territorio, in maniera strutturata e continuativa, la cultura dell’essere “presenti, vicini, consapevoli”, come da titolo del progetto, nel senso di aiutare, assistere, favorire. La Cooperativa dei Giovani di Napoli Est sarà un esempio pratico di come alcuni giovani locali, inizialmente ragazzi depressi nelle proprie potenzialità, siano riusciti ad emergere da un contesto problematico e deficitario da un punto di vista strutturale, attraverso un processo partecipato di trasmissione e valorizzazione delle attitudini tecniche, scientifiche e creative.